Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

NOTIZIE

BANCARI E ASSICURATIVI, ELETTA LA NUOVA SEGRETERIA DELLA FISAC-CGIL DI BERGAMO. Casanova: “Necessaria visione di segreteria territoriale capace di reinterpretare il proprio ruolo di contatto diretto e personale”

on .

Con 20 voti favorevoli e 4 astenuti (più una scheda nulla), è stata eletta oggi la nuova segreteria della FISAC-CGIL di Bergamo, il sindacato CGIL dei lavoratori bancari e delle assicurazioni. Da oggi, dunque, il segretario generale provinciale Pierangelo Casanova, eletto il 10 ottobre scorso al termine del IX Congresso della FISAC, sarà supportato dal rinnovato organismo dirigente: ne fanno parte Silvia Corti del Banco BPM e Maurizio Bacuzzi di Intesa Sanpaolo, entrambi già presenti nella segreteria uscente e ora confermati, più i nuovi eletti Simona Pedrali di Unicredit e Mauro Sangiorgio di UBI Banca.

DISCRIMINAZIONE A SCUOLA, A CENATE SOTTO ALUNNI NON AMMESSI ALLA MENSA E AD ALTRI SERVIZI SCOLASTICI. “Quando si iniziano a negare alcuni diritti, poi tutti possono subirne le conseguenze"

on .

Dopo Lodi, anche nella provincia di Bergamo si registra un atto discriminatorio nei confronti di alcuni alunni e delle loro famiglie. Questa volta non si tratta di discriminazione sulla base del paese d’origine, bensì contro i “non residenti” nel territorio comunale. A venire colpite sono 12 famiglie, tutte italiane. 
Il Comune di Cenate Sotto ha, infatti, deciso di escludere dalla mensa e dai servizi comunali quali trasporto, servizio extrascolastico ed entrata anticipata della scuola primaria, gli alunni delle famiglie non residenti.
Questa mattina una diffida legale firmata anche da Tobia Sertori, segretario generale della FLC-CGIL della Lombardia, è stata inviata al Comune. Il sindacato scuola CGIL appoggia, così,  l’azione di diffida sostenuta dalle famiglie e dal tavolo interassociativo “Saltamuri”.

LUNEDÌ 10 DICEMBRE A BERGAMO, LETTURA PUBBLICA A PIÙ VOCI DELLA DICHIARAZIONE DEI DIRITTI UMANI, A 70 ANNI DALLA SUA APPROVAZIONE. POI UNA MOSTRA E DUE FILM

on .

“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”: così recita il primo dei trenta articoli della Dichiarazione universale dei diritti umani, approvata settanta anni fa, il 10 dicembre 1948, dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ecco il testo completo: https://goo.gl/8W8Qni).

“DIFFICOLTÀ CHE SI MOLTIPLICANO SE LE MIGLIORI ESPERIENZE DEL NOSTRO TERRITORIO NON SONO SOSTENUTE DA POLITICHE NAZIONALI E REGIONALI. SU MOLTI FRONTI VEDIAMO PESSIMI SEGNALI” La nota di Gianni Peracchi, segretario generale della CGIL di Bergamo

on .

Sulle pagine della stampa locale si anima il dibattito sulle infrastrutture ma anche sulle frenate di quella che si profilava come una ripresa economica, ma si parla anche di ambiente e di accoglienza e sicurezza. Con alcune riflessioni per L’Eco di Bergamo, il segretario generale della CGIL di Bergamo Gianni Peracchi interviene su questi temi.

“NAZIEUROPA”: GIOVEDÌ 6 DICEMBRE A RANICA LO SPETTACOLO TEATRALE DI BEPPE CASALES. Dalla Germania degli anni '30 all'Europa dei confini, del nuovo nazionalismo e del razzismo diffuso

on .

Un titolo provocatorio, “Nazieuropa”, e il desiderio potente di sottrarsi all'indifferenza, di guardare la realtà con gli occhi bene aperti e di chiamare le cose con il loro nome: al teatro dell’oratorio di Ranica (via Sette F.lli Martiri 7, ore 20.30 – ingresso gratuito) domani, 6 dicembre, va in scena lo spettacolo teatrale di Beppe Casales, autore e attore che compie, con questo lavoro, una riflessione sulle analogie e le differenze tra l’Europa di oggi e la Germania degli anni ‘30. “Nazieuropa” è una lettera a una figlia ma anche un viaggio che parte dalla Germania d’inizio ‘900 e arriva fino all'Europa dei confini, del nuovo nazionalismo e del razzismo diffuso.

Altri articoli...