Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

ITALCEMENTI, “NECESSARIA PROROGA DELLA CASSA”. IL GIORNO DOPO LA LETTERA DEI PARLAMENTARI AL GOVERNO, I SINDACATI TORNANO A SPIEGARE PERCHÉ SIA MISURA URGENTE

on .

Dopo che ieri, 8 ottobre, i parlamentari bergamaschi e toscani di diversi partiti (Pd, Lega per Salvini, Forza Italia e Ms5) hanno scritto al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio per chiedere la proroga di 12 mesi (dal 1° gennaio 2019) della Cassa integrazione straordinaria per i lavoratori Italcementi, oggi FENEAL-UIL,  FILCA-CISL e  FILLEA-CGIL provinciali ribadiscono l’importanza della misura richiesta.

Le RSU della sede Italcementi a Bergamo e le organizzazioni sindacali chiedono al governo Conte di inserire nel testo della Legge di Stabilità 2019 il provvedimento di proroga della Cassa “per evitare che la tensione sociale e sindacale si acuisca” hanno ribadito oggi Giuseppe Mancin  di FENELA-UIL,  Simone Alloni  di FILCA-CISL e  Luciana Fratus di FILLEA-CGIL di Bergamo. “L’attuale trattamento di CIGS terminerà il 31 dicembre 2018 e se non interverrà la proroga i lavoratori licenziati da Italcementi e dalle Acciaierie di Piombino sarebbero 1.630 (di cui 250 di Italcementi, a Bergamo e Calusco 190) con un forte impatto sociale sui tessuti produttivi, sociali ed economici del nostro territorio e di quello di Livorno”.

“Dal 24 settembre 2015 a oggi” proseguono i sindacalisti, “la CIGS a Bergamo ha consentito l’avvio di un processo di riduzione degli esuberi non traumatico con il coinvolgimento delle istituzioni (Provincia di Bergamo), delle organizzazione sindacali e delle aziende interessate che ha permesso di ricollocare circa 65/70 lavoratori. Oggi in Cassa integrazione restano 190 lavoratori della sede centrale”.

Per questa ragione i parlamentari e i senatori, condividendo le ragioni delle RSU della sede di FENEAL, FILCA e FILLEA provinciali, hanno valutato importante una proroga della CIGS che consenta un’ulteriore riduzione strutturale degli esuberi al fine di ridurre al minimo l’impatto sociale.

“La protezione sociale dei lavoratori e delle loro famiglie non è solo una questione sindacale, ma è una questione sociale, istituzionale e politica. Per questo abbiamo sempre, sin dall’inizio della vicenda, chiesto il fattivo e massimo impegno dei diversi soggetti” concludono Mancin, Alloni e Fratus.