Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

DOPO LA FIRMA PER LA PREINTESA DELLA SANITÀ PRIVATA, SI RIAPRE LA PARTITA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO RSA ARIS E AIOP

on .

Dopo la firma della preintesa del contratto della sanità privata Aris-Aiop, che risale allo scorso 10 giugno, si riapre il tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto dei dipendenti di RSA aderenti ad Aris ed Aiop, scaduto ormai 8 anni fa.

Nel corso della trattativa per la preintesa, tra le parti è infatti stato deciso di dare il via al confronto anche su questo contratto, ed è già stato fissato un incontro per il prossimo 13 luglio.
“Questo è un passo importante per i dipendenti di quelle case di riposo – commentano Giuliana Rota e Roberto Rossi della Funzione pubblica CGIL di Bergamo - che insieme al personale del comparto sanitario hanno affrontato con professionalità, impegno e dedizione un’emergenza inimmaginabile, soprattutto nel nostro territorio. Ci auguriamo che questo rinnovo posso riconoscere anche ai lavoratori delle RSA nuove tutele, così come è già avvenuto per i dipendenti della sanità privata”. In provincia di Bergamo si tratta delle strutture: Don Orione e Istituto Sacro Cuore a Bergamo, Istituto Don Guanella di Verdello, RSA di Torre Boldone.
La preintesa sul contratto sanità privata, finalmente rinnovato dopo 14 anni, ha visto infatti un aumento contrattuale del 4,21%, parificando di fatto il trattamento economico ai tabellari del settore della sanità pubblica, riconoscendo un incremento medio sul livello D pari a 154 euro. La contrattazione aziendale e il confronto sindacale ne escono rafforzati e sono state introdotte clausole di tutela per quanto riguarda le stabilizzazioni del personale precario. Importante è anche il fatto che siano stati stanziati nuovi fondi per aggiornamento e formazione. Il nuovo contratto rende più veloci le progressioni di anzianità e prevede un nuovo inquadramento, più favorevole, per il personale OSS. Da sottolineare anche il fatto che per la prima volta in un CCNL viene inserito un articolo specifico che affronta il contrasto alle aggressioni al personale.