Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

METALMECCANICI ALLO SCIOPERO UNITARIO VENERDÌ 14 GIUGNO PER OTTO ORE. FIOM-CGIL, FIM-CISL E UILM-UIL DI BERGAMO: "SALARI PIÙ ALTI E TASSE PIÙ BASSE"

on .

In continuità con la mobilitazione del 9 febbraio, FIM-CISL, FIOM-CGIL e UILM-UIL hanno indetto per venerdì 14 giugno otto ore di sciopero generale dei metalmeccanici con tre manifestazioni a Milano, a Firenze e a Napoli. La delegazione di Bergamo, che dovrebbe essere composta da oltre 1.000 lavoratori in rappresentanza dei 90.000 dipendenti orobici (tra industria e artigianato), prenderà parte alla manifestazione di Milano. In preparazione a questo evento si è tenuto, oggi, 11 giugno, l’esecutivo unitario delle tre sigle metalmeccaniche di CGIL, CISL e UIL provinciali. 

A Milano il corteo partirà da Porta Venezia per arrivare a piazza Duomo, dove è previsto l'intervento di Marco Bentivogli, segretario generale FIM. Cisco dei Modena City Ramblers suonerà alcune canzoni con la sua band alternandosi sul palco durante il comizio.

“La decisione di scioperare è determinata dalla sempre maggiore incertezza sul futuro vista la contrazione della produzione industriale, la perdita di valore del lavoro, l'aumento degli infortuni” hanno detto Andrea Agazzi, Luca Nieri e Emilio Lollio, rispettivamente segretari generali di FIOM, FIM e UILM bergamasche, illustrando le motivazioni della manifestazione.

“Il governo e le imprese non possono scaricare sui lavoratori la nuova crisi che stiamo vivendo: per affrontare la situazione sono necessari investimenti pubblici e privati per l'innovazione, le competenze, l'occupazione, la prevenzione e la salvaguardia di salute e sicurezza. Per rilanciare il mercato interno è indispensabile aumentare il potere d’acquisto dei salari, ridurre la tassazione, garantire lo stato sociale e rilanciare la competitività dei nostri prodotti e delle nostre aziende”.

È necessario, hanno continuato i sindacalisti, “che il governo e il sistema delle imprese riconoscano il ruolo dei lavoratori. Il governo deve adottare politiche mirate a contrastare delocalizzazioni e chiusure di stabilimenti e a sostenere i buoni motivi per attrarre investimenti industriali. Vanno rafforzati i vincoli della responsabilità sociale delle imprese verso i lavoratori e il territorio. Occorre investire per creare occupazione per i giovani disoccupati, attraverso il consolidamento di alcuni settori in cui il nostro paese ha una leadership e incentivi per l'ecosostenibilità del nostro sistema industriale”.

Per FIM, FIOM e UILM, “le politiche pubbliche devono concentrarsi su ciò che crea lavoro, sull’occupazione, sulla qualità e la dignità del lavoro e in questo contesto misure come il Reddito di Cittadinanza non possono essere sostitutive di questo impegno e soprattutto non possono essere il solo strumento di lotta alla povertà”.