Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

ARTIGIANI, IL TRIBUNALE DI BERGAMO STABILISCE L’OBBLIGO DI VERSAMENTO CONTRIBUTI ALLA BILATERALITÀ. Accolto il ricorso della CGIL: approvato il risarcimento ai lavoratori coinvolti

on .

Anche nel settore artigiano i contributi agli enti bilaterali, che forniscono servizi di sostegno al reddito dei lavoratori, ne favoriscono la formazione e al sicurezza e promuovono lo sviluppo dell’impresa sono obbligatori.

Lo ha stabilito il Tribunale di Bergamo lo scorso 11 luglio, riconoscendo le ragioni di sette lavoratori nel corso della causa promossa dalla Filctem e dal Settore Artigiani della CGIL di Bergamo. I 7, dipendenti di un’azienda del settore plastica di Soncino, avevano chiamato in giudizio la datrice di lavoro, per accertare “il mancato versamento, da parte della società convenuta, degli importi dovuti agli enti bilaterali Elba, Sanarti e Wila” con conseguente condanna dell’azienda al pagamento in favore dei ricorrenti dei versamenti in questione, maggiorati degli interessi e della rivalutazione.
Il Tribunale ha accolto pienamente la richiesta dei lavoratori, stabilendo un risarcimento di 10.559 euro per ogni ricorrente.
Commentano Lorenzo Agazzi del Dipartimento Artigiani CGIL e Davide Vigani della Filctem CGIL : “Siamo contenti che con questa sentenza sia stabilito il principio dell’obbligo da parte dell’azienda al versamento dei contributi bilaterali.
Viene riconfermato il sacrosanto principio della bilateralità. Nella fattispecie, è di fatto, una sorta di emolumento aggiuntivo dovuto perché stabilito dal contratto collettivo nazionale. Ci auguriamo che questa sentenza possa fare da volano per quei lavoratori che oggi non hanno ancora trovato il coraggio di rivolgersi ai nostri uffici per la verifica della corretta applicazione delle norme contrattuali. Purtroppo rincresce dirlo ma anche nella nostra provincia ci sono ancora aziende che non le riconoscono e non compiono i versamenti, ed è giusto pertanto che siano sanzionate, aggiungendo il pagamento delle spese legale e di rivalutazione.
Il settore è poco sindacalizzato e i rapporti di forza sono per lo più sbilanciati, è per questo che vittorie del genere sono importanti e servono a stabilire un principio”.