Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

Edicole che chiudono, settore senza rinnovo contrattuale da 10 anni. LUNEDÌ 18 FEBBRAIO A BERGAMO IL SINDACATO NAZIONALE GIORNALAI SINAGI TIENE UN PRESIDIO PER IL NORD ITALIA DAVANTI ALLA SESAAB, EDITORE DE “L'ECO”

on .

Migliaia sono state le edicole che in Italia hanno chiuso negli ultimi anni. Le vendite di quotidiani e periodici sono calate di oltre il 50%, ma la FIEG, la Federazione Italiana Editori Giornali, sembra rimanere indifferente alla crisi della rete di vendita. Le percentuali di remunerazione degli edicolanti sono ferme a più di 15 anni fa e, malgrado questo, “la FIEG non ha ancora iniziato trattative serie per il rinnovo dell’accordo di categoria, scaduto da un decennio. Ha rifiutato il confronto sulla nostra piattaforma che contiene una serie di proposte economiche essenziali per il futuro della rete di vendita” ha spiegato oggi Amilcare Digiuni, referente di Sinagi (Sindacato Nazionale Giornalai d’Italia, affiliato alla SLC-CGIL) per la Lombardia.

Contro quello che definisce “irresponsabile atteggiamento della FIEG”, dopo un primo presidio tenuto a gennaio a Roma, il Sinagi ha indetto un presidio per il nord Italia in programma per lunedì 18 febbraio, dalle 13.30 alle 15, questa volta a Bergamo davanti alla sede della SESAAB, editore de “L'Eco di Bergamo”, il cui Amministratore Delegato è il capodelegazione trattante della FIEG. 

AMAZON DI CASIRATE D’ADDA, “GIÀ CENTINAIA” I LAVORATORI RIMASTI A CASA SENZA RINNOVO DEL CONTRATTO. E INTANTO NELLE AGENZIE INTERINALI DELLA ZONA SI CONTINUANO A PROPORRE ASSUNZIONI NEL POLO DI SMISTAMENTO

on .

Non è tutto oro quello che luccica dentro il nuovo centro di smistamento Amazon di Casirate d’Adda: la speranza di ottenere un posto di lavoro presso il colosso dell’e-commerce, condivisa da tantissimi lo scorso autunno all’apertura del polo in provincia, si è trasformata in delusione per centinaia di persone che pure avevano speso energie e tempo tra reclutamento, corsi e training durante l’estate per poi lavorare, alla fine, solo due mesi.

Oggi pomeriggio NIDIL-CGIL e FILT-CGIL hanno tenuto un’assemblea a Casirate sia per i (pochissimi) dipendenti diretti di Amazon sia per i numerosi che hanno un contratto di somministrazione e che operano nel polo di smistamento.

#9FEBBRAIO. IL GRANDE FIUME COLORATO INVADE LA PIAZZA MA ANCHE TELEGIORNALI, QUOTIDIANI, SITI WEB E SOCIAL

on .

La  manifestazione unitaria di CGIL, CISL e UIL - una delle più grandi degli ultimi anni - (“contateci”, ha detto Maurizio Landini senza dare numeri dal palco di San Giovanni al suo debutto come leader della CGIL), si è conquistata lo spazio che gli era dovuto in tutti i telegiornali e sulle prime pagine dei quotidiani e nei servizi di cronaca nelle pagine interne.
Un fiume di fotografie, commenti  e notizie sui social network della CGIL che sono stati letteralmente presi d’assalto (anche dai professionisti della critica e dell’insulto). In tantissimi hanno seguito la diretta di RadioArticolo1 (www.radioarticolo1.it).

#FUTUROALLAVORO, LA MANIFESTAZIONE DI SABATO 9 FEBBRAIO A ROMA. Da Bergamo 13 bus verso la capitale. I sindacati provinciali: “Insieme per lo sviluppo e il lavoro. La nostra provincia soffre per la mancanza di strategie e perde posti di lavoro”

on .

Per cambiare le scelte del Governo, per sostenere le proposte unitarie contenute nella Piattaforma dei sindacati confederali e per aprire un confronto serio e di merito, CGIL, CISL  e UIL hanno lanciato una grande manifestazione nazionale che si terrà a Roma sabato 9 febbraio.

L’ultima volta risale al 22 giugno 2013: CGIL, CISL e UIL si erano ritrovate in piazza San Giovanni a manifestare per il lavoro e per i diritti dei lavoratori. A cinque anni e mezzo di distanza, i sindacati confederali di Bergamo tornano insieme nella capitale con 13 pullman (più chi andrà in treno e con mezzi privati), quasi mille le persone che dalla nostra provincia raggiungeranno la capitale il 9 febbraio.

La tavola rotonda. “LA TENTAZIONE POPULISTA. IL SINDACATO ALLA PROVA DELLA SOCIETÀ MODERNA”: LUNEDÌ 4 FEBBRAIO A BERGAMO. Tra gli ospiti Gad Lerner, il costituzionalista Filippo Pizzolato e Francesco Cancellato

on .

È uno dei temi più attuali del dibattito politico, sociale ed economico nazionale: a Bergamo lunedì 4 febbraio si parlerà di populismo anzi de “La tentazione populista” in una tavola rotonda che ha per sottotitolo “Il sindacato alla prova della società moderna”.

L’iniziativa, organizzata dalla FILCAMS-CGIL provinciale, si svolgerà all’Istituto Vittorio Emanuele II di Bergamo (ore 17, via Lussana 2) e vedrà la partecipazione del giornalista Gad Lerner e del costituzionalista Filippo Pizzolato, che dialogheranno accanto al segretario generale della FILCAMS-CGIL provinciale Mario Colleoni. Modera i lavori il direttore de Linkiesta.it, Francesco Cancellato. Porteranno i loro saluti Sergio Gandi, vicesindaco del Comune di Bergamo, e Antonella Protopapa, segretaria generale della FILCAMS-CGIL della Lombardia.

Altri articoli...