Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

Stampa

DIPENDENTI ARTIGIANI, LA CGIL RADDOPPIA: NELLA PROVINCIA DI BERGAMO 6 NUOVI SPORTELLI SI AGGIUNGONO AI 5 ESISTENTI. Oltre 28mila i lavoratori del settore in 6.500 imprese artigiane

on .

Da cinque passano a undici gli sportelli che la CGIL di Bergamo dedica ai lavoratori dipendenti di aziende artigiane sul territorio provinciale. Da pochi giorni sono, infatti, attivi i nuovi punti di consulenza e tutela che fanno capo all’Ufficio Artigiani CGIL a Clusone e Gazzaniga per la valle Seriana, Zogno e San Giovanni Bianco per la valle Brembana, Trescore Balneario per la val Cavallina e Ponte san Pietro per l’Isola bergamasca.

Stampa

ACQUISIZIONE NIIAG E EUROGRAVURE, I SINDACATI: “DOPO ANNI DI FONDI E MULTINAZIONALI, SI TORNA A PERSONE FISICHE DEL TERRITORIO. CI ASPETTIAMO UN CAMBIO DI PASSO”. Il 18 gennaio nuovo confronto

on .

Lo hanno definito “un passaggio importante, forse persino storico” quello che sta vivendo Arti Group, a cui fanno capo NIIAG - Nuovo Istituto Italiano d’Arti Grafiche e Eurogravure, “che tornano, dopo molti anni, ad essere di proprietà non di fondi o di multinazionali ma di persone fisiche del territorio”. Così i sindacati di categoria FISTEL-CISL, SLC-CGIL e UILCOM-UIL di Bergamo hanno commentato l’acquisizione del gruppo da parte della holding AGH, che vede insieme Alberto Di Rubba, Marzio Carrara e Alessandro Bulfon, quest’ultimo attuale amministratore delegato di Arti Group.

Stampa

ORIOCENTER, VENERDÌ 22 DICEMBRE IL PRESIDIO DEI LAVORATORI. La mobilitazione nel giorno della protesta nazionale dei dipendenti delle aziende aderenti a Federdistribuzione e della Distribuzione cooperativa

on .

La protesta di Oriocenter scalda i motori domani, venerdì 22 dicembre, con un presidio che FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL e UILTUCS-UIL di Bergamo hanno voluto proprio nel giorno dello sciopero nazionale dei dipendenti delle aziende aderenti a Federdistribuzione (ad esempio, le catene Auchan, Esselunga, Iper, Coin, Oviesse, Carrefour, …) e della Distribuzione cooperativa (Coop …): i lavoratori del grande centro commerciale orobico si preparano così, dunque, per quella che sarà una mobilitazione storica in cui saranno chiamati a incrociare le braccia il 25 e il 26 dicembre contro il calendario di aperture indiscriminate che considerano inaccettabili.

Stampa

ORIOCENTER: L'ASSEMBLEA DEI LAVORATORI DECIDE PER LO SCIOPERO. I sindacati: “Adesso tocca anche ai clienti!”

on .

Alla fine, sarà sciopero. Nell’assemblea di questa sera i lavoratori iscritti ai sindacati e i delegati di Oriocenter hanno, infatti, deciso lo sciopero della ristorazione in Oriocenter per il 25 e lo sciopero provinciale della grande distribuzione per il 26 dicembre. Le due mobilitazioni saranno anticipate da un presidio, il 22 dicembre, davanti al centro commerciale di Orio.

Altri articoli...