IN PRIMO PIANO

Ape sociale e lavoro Precoce

firmati i decreti attuativi dell'Ape sociale e dei Lavoratori precoci
Per i requisiti maturati nel 2017, la domanda di riconoscimento va presentata entro il 15 luglio 2017.
Per i requisiti maturati nel 2018, la domanda di riconoscimento va presentata entro il 31 marzo 2018.

vai alla NL informazione

I decreti attuativi pubblicati in GU, emesse le circolari INPS

Ape volontaria

Firmato il decreto attuativo dell'Ape volontaria. Per l'effettiva attuazione sono necessarie le convenzioni con Banche e Assicurazioni.

vai alla NL informazione

 

 

Maternità e paternità

La maternità, intesa come l'ultimo periodo di gravidanza e l'immediato periodo dopo la nascita, è stata tutelata fin dall'inizio del Novecento nell'ambito della legislazione italiana di protezione dei soggetti più deboli rispetto al lavoro, cioè donne e bambini. Prima dell'istituzione della Cassa nazionale di maternità che stabilì un'indennità in misura fissa e solo per pochissime categorie di lavoratrici, era prevista l'astensione dal lavoro senza alcun sussidio economico. Nel 1939 il governo fascista abolì l'assicurazione di maternità, sostituendola con il premio di natalità e nuzialità. Nel dopoguerra ricomparve una legislazione di tutela, con punte assai avanzate di protezione fisica, giuridica e economica delle lavoratrici madri. Fu introdotto allora il concetto di astensione obbligatoria per maternità per le lavoratrici del settore pubblico e privato.
Con la legge di parità tra uomini e donne in materia di lavoro (legge 903/77) si è cominciato a porre il minore al centro della tutela, prevedendo un'alternanza delle figure genitoriali, specie nella maternità non biologica, ma adottiva, in linea anche con le più avanzate direttive europee. La tutela della maternità si è esteso in seguito, con specifici provvedimenti legislativi, alle lavoratrici autonome e alle libere professioniste. Oggi, con il testo unico sulla maternità e paternità, (dlgs 151/01), si prefigura una rete di congedi, ora ampliata dlla legge 92/2012 con l'introduzione della astensione obbligatoria per il padre (di un solo giorno !!!).

DLGS 80 conciliazione dei tempi di cura, vita e lavoro

con il Dlgs 80/2015 (decreto attuativo Jobs Act) è stata ampliata la tutela della maternità e della paternita. Rusultano aumentati sia i limiti temporali di fruibilità dhe di indennizzo. Introdotta anche la fruibilità oraria (50%) del congedo parentale

 

NL informazione a cura di Inca Lombardia

vedi tutti i numeri che trattano di maternità